BES

BES.

“Il Bisogno Educativo Speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo e/o istituzionale, causata da un funzionamento, nei vari ambiti definiti dall’antropologia ICF, problematico per il soggetto in termini di danno, ostacolo al suo benessere, limitazione della sua libertà e stigma sociale, indipendente dall’eziologia (bio-strutturale, familiare, ambientale-culturale, ecc) e che necessita di educazione speciale individualizzata.” (Dario Ianes)

Disabilità

Nel corso della Storia si sono avvicendate diverse concezioni della disabilità, via via sempre più slegate da dimensioni valoriali e morali. Oggi si parla della persona in condizione di disabilità come portatore di diritti, anzitutto umani (ONU, 2006). Da una prospettiva statica, oggi invece si guarda alla disabilità come a una realtà dinamica, in continuo cambiamento, perché legata agli aspetti globali del funzionamento personale e contestuale (ICF, 2001).

Per approfondire:

DSA

In un altro ordine di discorso, legato più alle caratteristiche dello sviluppo neuro-funzionale, si è circoscritto l’ambito delle difficoltà e delle perturbazioni degli apprendimenti, approdando alla terminologia DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento). I DSA comprendono numerose e variabili condizioni, ascrivibili per facilità ai seguenti gruppi: dislessie, disgrafie, disortografie, discalculie. Queste sono condizioni che non implicano deficit a livello intellettivo (il che ci farebbe deviare verso condizioni di invalidità certificabile), ma che concernono specifiche difficoltà nell’automatizzazione dei processi di lettura, scrittura e calcolo. In Italia le persone con DSA hanno come riferimento e tutela normativa la Legge 170/10 e le relative Linee Guida per il diritto allo studio.

BES. Bisogni Educativi Speciali

Grazie a contributi multidisciplinari e trasversali a molte aree di studio e conoscenza, lo sviluppo di uno sguardo inclusivo nei confronti delle persone, quali portatori di diritti e di bisogni anzitutto dentro la scuola, ha puntato l’accento sulla nozione di Bisogno Educativo. Tutti siamo portatori di bisogni educativi, declinabili e declinati per ciascuno secondo le proprie caratteristiche e condizioni esistenziali. Per questo la Direttiva del 27 dicembre 2012 “codifica” la nozione di B.E.S. (Bisogno Educativo Speciale), concetto non privo di limiti e di critiche, intendendo al suo interno:

•persone con Disabilità;

•persone con DSA;

•persone con svantaggio socio-economico, linguistico, culturale.

A tutte queste condizioni di vita, la Direttiva estende i benefìci della Legge 170/10

BES. Forme di Consulenza e Intervento

I servizi offerti riguardano l’area della consulenza e della formazione:

  • Consulenza psicologica e psicopedagogica a persone con disabilità e DSA e alle loro famiglie
  • Consulenza psicopedagogica per l’orientamento scolastico
  • Collaborazione con Enti pubblici e privati per l’ascolto, la consulenza e l’intervento
  • Formazione per operatori in campo medico – psicologico – sociale

Pin It on Pinterest